Che cos'è la Lean Strategy? Come organizzare una settimana Kaizen?

Swipe to the left
Lean Strategy: Settimana Kaizen
By Stefano Gatti 4 months ago 78 Views

Il mercato è una realtà in continua evoluzione e i tempi di risposta ai cambiamenti sono la chiave per il successo o il fallimento. Se non si ha una strategia aziendale ben definita e si conosca gli obbiettivi a breve e lungo termine, anche un ritardo o un piccolo errore di calcolo possono trasformarsi in falle al sistema difficili da sanare.

Per queste problematiche come sempre ci viene incontro il metodo Lean che ci indirizza verso una strategia in grado di unire gli obbiettivi e l’operatività quotidiana in una più ampia Lean Strategy.

Hoshin Kanri

La Lean Strategy, fedele ai metodi gestionali giapponesi, si appoggia a un concetto di sua origine, l’Hoshn Kanri.

Si tratta di una tipologia di gestione aziendale che ha come obbiettivo l’organizzazione e il controllo strategico tenendo in considerazione le possibili variabili.

Il termine deriva dall’unione dei termini “Hoshin” (bussola) e “Kanri” (management) proprio perché si propone di definire una rotta da seguire all’azienda.

Concretamente si tratta di redigere un foglio sul quale vengono messe in relazione quattro variabili:

  • I pilastri del piano strategico ed economico che si vuole pianificare (Vision, Mission e Values)
  • Gli obbiettivi annuali che serviranno a concretizzare la strategia aziendale
  • I progetti chiave per il miglioramento
  • Le figure che prenderanno parte al progetto, definendo i ruoli, le responsabilità e i KPI (indicatori di performance)

Produzione snella e Kaizen

Avere chiaro il percorso da seguire e gli obbiettivi prefissati non ti mette al riparo dagli sprechi e dagli errori, anzi questi si possono manifestare in forme diverse e andare a intaccare il tuo processo produttivo.

La produzione snella, la così detta Lean Production, si pone come obbiettivo l’eliminazione di tutti i Muda (sprechi) promuovendo il miglioramento continuo.

Qui entra in gioco il concetto di Kaizen, ossia ottimizzare la produzione nella continua ricerca di perfezionamento.

Si focalizza sulla riduzione dei Muda, il miglioramento delle performance dei processi e l’esaltazione delle attività che portano valore.

Questo concetto è applicabile se:

  • Si identifica il flusso di lavoro e i lavori che aggiungo valore
  • Si individuano ed eliminano gli sprechi di tempo e i lavori ripetitivi o pesanti
  • Si elimina ciò che non è funzionale e si ricerca la pulizia e l’ordine
  • Si riducono le attese e i passaggi inutili
  • Si standardizzano le operazioni rendendole più immediate.

Quick Kaizen

Il concetto di Kaizen si suddivide potenzialmente in due approcci; Il Quick Kaizen e la Settimana Kaizen, due metodi uguali ma dall’approccio differente.

Il primo, come si deduce dal nome, è strutturato per essere applicato in tempi brevi (2/3 giornate) e per ottenere risultati tramite piccoli cambiamenti.

Viene utilizzato quando gli sprechi sono già identificati, il problema e lo scopo sono delineati, i dati sono alla mano e si necessita di risultati immediati.

La settimana Kaizen invece è l’ideale per progetti più complessi, pianifica giornalmente come applicare la strategia lean nel corso della settimana.

Prima di andare ad applicare un’attività Kaizen è importante definire alcuni aspetti:

  • Raccogliere le informazioni per determinare uno schema preciso di azione
  • Realizzare uno schema preciso da seguire
  • Individuare i membri del Team tenendo presente i diversi know how.

Settimana Kaizen

Se hai completato le attività da svolgere prima dell’evento Kaizen, adesso possiamo delineare una possibile settimana Kaizen:

Lunedì:

Brainstorming sui dati raccolti e analisi della situazione attuale.

A fine giornata riassunto delle problematiche riscontrate e definizione delle azioni da svolgere il giorno seguente.

Martedì:

Meeting per definire i compiti del giorno

Focus sulle attività per ridurre ed eliminare gli sprechi

Riunione finale per aggiornamenti sullo stato dei lavori

Mercoledì:

Meeting sulle fasi successive

Raccolta dati per controllo dei risultati ottenuti (Trend positivo sì o no)

Giovedì:

Meeting sulla fase conclusiva

Reindirizzamento della forza lavoro per il completamento dei lavori ancora in corso

Standardizzazione e raccolta relativamente ai miglioramenti

Venerdì:

Conclusione degli ultimi lavori ancora aperti con metà del team

Stesura relazione finale con parte del team

A fine settimana:

Definizione e assegnazione delle attività da svolgere e portare avanti dopo l’evento. Le eventuali attività in sospeso vengono annotate sul giornale Kaizen affinché tutti i processi avviati vengano portati a termine.

La settimana kaizen è un evento organizzato per aumentare la produttività in azienda ma anche per incentrare la propria Lean Stategy sulle persone, favorendo un approccio di tipo Pull.

Le persone non sono solo i clienti ma anche e soprattutto i lavoratori che stimolati e seguiti da un ambiente di lavoro propositivo, aumentano a loro volta l’efficienza aziendale.