Lean Management: Come organizzare il lavoro con la metodologia Lean

Swipe to the left
Lean Management: Come organizzare il lavoro?
By Stefano Gatti 3 months ago 64 Views

Una sfida importante per le aziende: capire come organizzare il lavoro con la metodologia Lean, una soluzione che ha come obiettivo fondamentale la possibilità di raggiungere quello che è il concetto fondate. Vale a dire la perfezione, il Kaizen che si raggiunge dopo piccoli miglioramenti continui che consentono di eliminare gli sprechi.

Questa, ovviamente, è una sintesi che consente di avere una visione generale che ti permette di organizzare il processo lavorativo in ottica di Lean Production. La Produzione Snella che elimina tutto ciò che non serve a favore del valore. Riducendo costi, rischi e pericoli per l'impresa.

Cos’è il Lean Management

Il Lean Management è una filosofia gestionale che si pone l’obbiettivo di ridurre gli sprechi attraverso opere di miglioramento continuo che pongono il proprio focus verso l’incremento di valore per il cliente.

Gestire un’azienda in ottica Lean vuol dire applicare continui cambiamenti in ogni fase e aspetto della produzione, rendendo le persone parte integrante del cambiamento e dell’evoluzione verso la creazione di valore con il minor spreco possibile.

Il Lean Management ha due obbiettivi uniti da uno stretto legame: l’aumento della soddisfazione dei clienti che rappresentano il vero valore per l’azienda e il coinvolgimento del personale in ogni aspetto produttivo, incrementandone la soddisfazione per il proprio contributo e il senso di appartenenza. Ma come si applica il metodo Lean all'organizzazione interna dell'azienda? Per rispondere a questa domanda possiamo ragionare intorno ai 5 principi chiave del Lean Management.

I principi del Lean Management

Il Lean Management per potersi definire efficiente e in grado di migliorare le performance aziendali, deve essere accompagnato da una rivoluzione pratica e di pensiero culturale.

Non si tratta solo di applicare cambiamenti gestionali / logistici, è indispensabile andare a ripensare gli stessi valori fondanti di un’azienda. Per poterlo fare bisogna andare a ricercare i principi che guidano una corretta gestione Lean e regolarli sulla propria realtà.

Ecco i principi per un Lean Management performante:

1) Identifica ciò che ha valore per il cliente

Spesso le aziende organizzano azioni e processi interni intorno ad attività che non hanno reale utilità per il fine ultimo. Ciò avviene per assenza di prospettiva, assecondare le abitudini e i processi del passato, paura d'innovare e decisioni difficili da smuovere. L'azienda Lean, però, ha il dovere di affrontare questa domanda: Cosa ha realmente valore per il cliente? Bisogna capire ciò che il cliente è disposto a pagare di un prodotto o un servizio, per poi organizzare la produzione intorno a questo valore. Come si ottiene tutto questo? Ricerche di mercato, interviste, survey e questionari possono essere utili al fine di lavorare intorno a una prospettiva data driven. Vale a dire, le decisioni si prendono in base ai numeri che fanno la differenza e che contano veramente. Senza valutare solo idee e percezioni di ciò che può avere valore per il cliente.

2) Elimina gli sprechi (muda) in azienda

Un passaggio essenziale per organizzare il lavoro secondo la metodologia lean. In questo caso, dopo aver individuato il valore per il cliente, ci chiediamo: cosa possiamo fare per organizzare le attività che creano valore in modo da eliminare tutto ciò che non serve? In questa fase non parliamo solo di oggetti o macchinari ma anche di attività, movimenti e operazioni. Nel Lean Manufacturing gli sprechi (Muda) possono essere sia concreti che astratti e comprendono sotto alla stessa definizione tutto ciò che non aggiunge valore al cliente. Per rifiuto non ci si può limitare a pensare a prodotti di scarto o di sovrapproduzione, anche il tempo, le risorse, i trasporti superflui, le rilavorazioni e gli infortuni sono parte del Muda da eliminare. Il termine Muda è sicuramente quello più utilizzato in ottica Lean e pertanto il più conosciuto ma spesso è affiancato anche da Muri e Mura, azioni immotivate e instabili. Sono anch’essi rifiuti perché non producono valore. Basti pensare a quante lavorazioni o procedure vengono svolte in modo automatico perché pratiche comuni, senza però prendere in considerazione alternative più efficienti e meno dispendiose. Per avere una maggior definizione di questo punto bisogna affrontare il successivo.

3) Nessuna interruzione operativa del flusso

Proprio perché bisogna eliminare ciò che non serve, l'obiettivo specifico riguarda la possibilità di definire gli standard di processo, il flusso operativo al netto di ogni interruzione. Proprio come avviene con la metodologia SMED che consente di diminuire i tempi di setup delle macchine.I tempi morti sono una perdita per ogni processo produttivo, ecco perché c'è bisogno di un attento lavoro organizzativo interno. Sia per l'organizzazione del magazzino che di tutti gli spazi condivisi. In tal caso la produzione di attrezzatura e strumenti per la Lean Manufacturing possono aiutarti:

Tutto questo senza dimenticare gli elementi necessari all'identificazione dei materiali. Il Visual Management è indispensabile per fare in modo che ogni passaggio sia fluido e ben strutturato. Questo consente di rispettare un altro principio del Lean Management per l'azienda: bisogna puntare sulla logica pull e non push.

4) Logica Pull e non Push

Riprendiamo il principio base: bisogna eliminare gli sprechi. I quali si manifestano anche nelle logiche che ti suggeriscono d'immagazzinare scorte che poi non utilizzerai. O almeno non nel breve periodo. Anche se queste dinamiche ti danno sicurezza e visione futura del lavoro da svolgere c'è un rischio. Le logiche push, che spingono risorse verso il processo produttivo, vuol dire occupare spazio inutile che potresti sfruttare in modo diverso. Ma anche trasportare materie prime che non userai e che magari si deteriorano nel tempo. La struttura Lean è quella che ti consente di svolgere il lavoro inverso: è la domanda che tira la richiesta di prodotti da vendere o materia prima da trasformare in beni di consumo (Logica Pull).

5) Miglioramento continuo, Kaizen

Qual è l'obiettivo ultimo di un'impresa? Fare in modo che le attività e le strategie Lean arrivino alla perfezione, il concetto di Kaizen in giapponese riguarda proprio questo. L'impresa deve fare tutto ciò che è nelle sue possibilità per raggiungere l'eccellenza, ma questo non avviene all'improvviso. Per ottenere risultati tangibili fissa un focus e organizza ogni attività di miglioramento attorno a esso. I miglioramenti richiedono grandi sforzi ma i risultati tanto sperati spesso tardano ad arrivare, bisogna pertanto imparare a riconoscere i piccoli successi per raggiungere importanti traguardi con il tempo. I piccoli risultati servono per costruire uno standard in grado di produrre reali benefici. Si tratta del duro lavoro, è questo il punto essenziale per ottenere ciò che serve.

Il Lean Manager

Abbiamo ormai compreso che per implementare una filosofia di tipo Lean Manufacturing è necessario rivoluzionare non solo l’organizzazione pratica di un’azienda ma anche il suo modo di pensare e approcciarsi ai problemi.

Trattandosi di molti tasselli che devono andare a combaciare affinché tutto il sistema funzioni, è necessaria una figura che ne guidi il processo.

Il Lean Manager è una persona dalle conoscenze pratiche o gestionali, in gradi di ricercare il miglioramento continuo, applicando tutte le tecniche necessarie per un’ottimizzazione dei processi e in grado di stimolare e coinvolgere i collaboratori a evolversi e diventare parte attiva del cambiamento.

Deve saper ripensare le varie fasi aziendali per ridurre gli sprechi e imparare a plasmare il nuovo pensiero Lean nelle menti dei propri collaboratori. Si tratta di un percorso altalenante tra i vari principi Lean e senza un traguardo fisso.

Questo concetto è spiegato in chiave “poetica” da uno dei maggiori esponenti della Lean.

If someone tells you that “lean management is this” and not something else, if someone puts it in a box and ties a bow around it and presents it in a neat package with four walls around it, then that someone knows not of what they speak. Why? Because it is in motion and not a framed picture hanging on the wall. It is a melody, a rhythm, and not a single note.” (Lawrence M. Miller “Management Meditations “)

L’attenzione alle persone è un aspetto di centrale importanza in qualsiasi tipologia di gestione aziendale, la Lean vi pone maggiore risalto perché rende i lavoratori parte integrante del processo di Lean Transformation.

Rendere partecipi tutti i livelli aziendali ne aumenta l’autostima perché si sentono parte del miglioramento e soprattutto vedono le proprie idee messe in pratica. Il Lean Management ricerca i risultati a lungo termine e sono proprio questi quelli che si ottengono dal coinvolgimento umano.

Tutto ciò si raggiunge con il metodo scientifico. Un esempio su tutti è l'applicazione di ciclo di Deming, vale a dire un percorso che consente di osservare la situazione, mettere in pratica le azioni, valutare e ricominciare. Fino al raggiungimento della perfezione. Per ulteriori informazioni su come applicare il metodo Lean in azienda contattaci all'indirizzo e-mail info@utekvision.com.